logo italiacomfidi
logo italiacomfidi
Servizi
PER INTERMEDIARI FINANZIARI
Profilo
Comunicazione
Contatti
07/06/2024

La Sostenibilità declinata come ESG per le imprese: cogliere l’opportunità o sopportare un nuovo costo?

Negli ultimi anni il termine “sostenibilità” è diventato una parola usata in quasi ogni ambito delle attività sociali e culturali delle persone che vivono nei paesi più sviluppati. Si sente parlare di sostenibilità delle filiere alimentari, dei mercati, del turismo, dell’illuminazione pubblica, dei parchi, degli animali domestici e di quasi ogni altra attività umana. Ovviamente le aziende non fanno eccezione, anzi, lo sviluppo sostenibile nella produzione industriale è stato uno dei primi ambiti di utilizzo di questo termine. Tuttavia non è così chiaro per tutti, a volte anche per gli imprenditori, in cosa consiste la sostenibilità per le imprese.

Facendo un po’ di storia, inizialmente si trattava soprattutto di ridurre l’impatto ambientale dei processi produttivi e dei prodotti. Successivamente si sono aggiunti aspetti etici e sociali, riguardanti il trattamento dei lavoratori e la selezione dei fornitori. Infine, si sono aggiunti aspetti legati alla conduzione dell’azienda, alla parità di genere e alla continuità del business, messo a rischio da molte potenziali minacce sia esterne che interne all’azienda.

Cosa si intende per ESG: significato e obiettivi

I numerosi aspetti che sostanziano il termine “sostenibilità” sono stati definiti nell’Agenda ONU 2030, sottoscritta nel 2015 da ben 193 nazioni. L’Agenda richiama i governi e le popolazioni ad impegnarsi in uno sforzo corale per conseguire 17 obiettivi per la sostenibilità, i quali abbracciano diversi ambiti, dalla lotta alla fame e alla povertà alle cure e all’istruzione per tutti, da una riduzione dell’impatto ambientale all’economia circolare e all’uso di energia da fonti rinnovabili, passando per la tutela degli ambienti marini e terrestri. I 17 obiettivi sono sostanziati da 169 target operativi e vengono spesso sintetizzati con le “3P” di Planet, People e Prosperity. Le aziende di ogni parte del mondo sono chiamate a contribuire all’impegno per la sostenibilità, sulla base degli obiettivi e dei target applicabili nel loro specifico ambito di attività.

L'acronimo di Environment, Social e Governance, “ESG”, sintetizza i 17 obiettivi per la sostenibilità dell’Agenda Onu 2030 e prende in considerazione l’impatto ambientale, quello sociale e le modalità di governo e gestione delle aziende. È diventato un riferimento internazionale per la sostenibilità nelle imprese ed è la base di ogni tipo di rendicontazione. Vediamo in sintesi quali sono i principali aspetti che vengono considerati in ambito ESG.

E di environment

In “Environment” si considerano gli impatti ambientali dei processi e dei prodotti dell’azienda, in particolare, ma non solo:

  • L’uso o meno di sostanze tossiche nei prodotti e nei processi, pericolose per la salute e per la biodiversità
  • Il tipo di rifiuti prodotti, le quantità di riuso e riciclo e la circolarità dei materiali e degli imballaggi
  • Le emissioni di CO2 e di altre sostanze volatili tossiche
  • I consumi di energia e le fonti utilizzate per produrla o acquistarla
  • I consumi di acqua e l’eventuale depurazione e riuso delle risorse idriche impiegate nei processi produttivi
  • L’impatto del prodotto in relazione alle emergenze globali (riscaldamento globale, buco dell’ozono, acidificazione dei mari, ecc.) durante l’intero ciclo di vita.

S di Social

In “Social” si considerano gli impatti sociali dell’impresa, in particolare:

  • La corretta e accurata gestione della sicurezza e del benessere dei lavoratori
  • L’attenzione e l’applicazione della parità di genere, anche a livello apicale
  • L’attenzione e l’applicazione della cura per la diversità e inclusione
  • La presenza di adeguati programmi di formazione per il personale
  • L’attenzione e l’applicazione di regole per la conciliazione fra lavoro e vita privata
  • La presenza di forme di welfare aziendale
  • Eventuali attività filantropiche e progetti benefici per il territorio
  • L’impegno per l’innovazione tecnologica e per l’export, che aumentano la competitività dell’azienda con ricadute sociali per i lavoratori e per il territorio/distretto produttivo
  • La presenza di progetti in collaborazione con altre imprese, rafforzandole grazie alla creazione di filiere e distretti industriali.

G di Governance

In “Governance” si considerano le responsabilità dell’impresa, in particolare nei seguenti ambiti:

  • Tipologia ed efficacia del governo aziendale, anche in termini di presenza femminile nel CDA e nel top management
  • “Compliance” generale, ovvero il rispetto puntuale di ogni legge e regolamento applicabile in azienda, con particolare riferimento alla responsabilità amministrativa delle aziende ex D. Lgs. n. 231/2001, la disciplina del Codice sulla sicurezza del Lavoro ex D. Lgs. 81/2007, le norme ambientali e quelle in tema di privacy
  • Presenza o meno di codici etici e di procedure anti corruzione
  • Presenza e applicazione di organizzazione e di “adeguati assetti” secondo D. Lgs. 14/2019
  • Presenza o meno di uno staff o di una persona responsabile per la sostenibilità in azienda
  • Presenza e accuratezza di un’analisi dei rischi, espressa in forma dinamica e continuativa e non episodica
  • Attenzione alla business continuity, con programmi di prevenzione a livello di security, cyber security, accantonamenti, assicurazioni, ecc.
  • Attenzione e abitudine alla trasparenza e alla rendicontazione.

Quanto sopra, in maniera sintetica e non esaustiva, offre una panoramica di quanto è articolato e pervasivo l’approccio ESG a livello aziendale. Non si tratta certamente di qualcosa di semplice o privo di impatto, ma consente all’azienda di crescere e diventare sempre più competitiva sotto ogni punto di vista.

Perché alle imprese conviene investire in ESG

Affrontando in una logica chiara e ordinata le tre macroaree, espresse con l’acronimo ESG, l’imprenditore si ritrova in mano uno strumento di gestione aziendale molto avanzato, utile prima di tutto alla sua impresa e in grado di “rendere conto” all’esterno. Ogni azienda è diversa dall’altra, in termini di mercato, obblighi di legge, situazione finanziaria, clima aziendale, ecc., quindi non è il caso di generalizzare i vantaggi nell’implementare le tematiche ESG in azienda. Però è possibile fare un elenco di tali vantaggi, in modo da consentire all’imprenditore, o al manager, di riflettere e valutare i benefici dell’approccio ESG.

Vediamo prima i vantaggi in termini generali:

  • Se si rientra negli obblighi di legge, ovviamente c’è il vantaggio di essere in regola! In questa specifica condizione, prima si inizia e meglio è, perché le rendicontazioni fanno riferimento all’anno precedente rispetto a quello in cui scatta l’obbligo
  • Il mercato apprezza molto le aziende che fanno riferimenti ai temi ESG. In particolare, se si è fornitori di un cliente a sua volta obbligato per legge, o volontariamente impegnato sui temi ESG, invierà questionari e chiederà di partecipare all’impegno per la sua rendicontazione. Rispondendo correttamente e in modo competente, aumenterà la fidelizzazione e la fiducia col cliente medesimo.
  • A seguito dell’implementazione a livello europeo della “tassonomia green”, le banche sono tenute ad aggiungere un rating ESG nella valutazione del merito creditizio. Quindi, in caso di necessità di finanziare la produzione o un nuovo progetto, certamente si riceveranno dei questionari ESG.
  • In generale, si ha un aumento della competitività per tutte le ragioni espresse o accennate nei punti precedenti.

Environment: alcuni vantaggi specifici

Entrando più nel dettaglio, vediamo di seguito un elenco con alcuni dei vantaggi specifici derivati dall’implementazione dei temi ESG, partendo dalle azioni per la “E” di Environment:

  • Riduzione dei costi grazie all’efficientamento energetico e all’auto produzione di energia da fonti rinnovabili, che spesso ripaga in fretta gli investimenti
  • Possibilità di valorizzare i propri scarti grazie alla “simbiosi industriale”, ovvero all’utilizzo dei rifiuti di processo da parte di un’altra azienda che li acquista come materia seconda
  • Individuazione ed utilizzo di nuove tecnologie green o bio ispirate, innovative e competitive
  • Ottimizzazione e recupero degli imballaggi, miglioramenti e risparmi nella logistica
  • Aumento dell’attrattività e della competitività dei propri prodotti nei mercati di riferimento.

Social: alcuni vantaggi specifici

Alcuni dei vantaggi derivati dalle azioni per la “S” di Social:

  • Miglioramento del clima aziendale e del livello di produttività nei reparti e negli uffici
  • Diminuzione del turn over e dei costi per la formazione e l’addestramento dei nuovi dipendenti
  • Maggiore attrattività nei confronti dei migliori talenti disponibili nel mercato del lavoro
  • Miglioramento delle performance aziendali grazie al mix dato da parità di genere e inclusione
  • Migliori relazioni con il territorio, con la comunità locale e con le amministrazioni.

Governance: alcuni vantaggi specifici

Alcuni dei vantaggi derivati dalle azioni per la “G” di Governance:

  • Aumento della reputazione aziendale verso i clienti, i fornitori, i dipendenti, la comunità locale e le banche
  • Aumento del valore dell’azienda, più “sotto controllo” e in grado di fornire dati a potenziali investitori o acquirenti, come i fondi d’investimento
  • Maggiore sicurezza di “business continuity” e di assenza, o riduzione, di fermi della produzione, perdita dei dati, ecc.
  • Maggiore trasparenza e chiarezza verso ogni genere di stake holder
  • Diminuzione dei rischi legali per gli amministratori.

Cosa possono fare le imprese? Come muoversi?

Consapevolezza aziendale

Per prima cosa i vertici delle imprese dovrebbero informarsi bene e capire quali sono le opportunità e le difficoltà per la propria azienda nell’approcciare ai temi ESG.

Come per ogni altra cosa così importante e pervasiva, occorre darsi una strategia e una tempistica adeguate alle proprie possibilità e necessità. L’eventuale transizione aziendale verso la sostenibilità non può che avvenire per gradi, visto che alla base di tutto c’è un cambio o un adeguamento culturale.
Accedendo ad un assessment ESG, effettuato da esterni che non conoscono l’azienda che vedranno in maniera neutra tutto quello che c’è o che manca, si scoprirà che numerose attività riferibili ai temi ESG sono già presenti. Questi possono essere rapidamente valorizzati e comunicati, possono anche costituire la base per un bilancio di sostenibilità. Anche molte delle norme e delle certificazioni già applicate nelle aziende da anni, come le ISO 9000, le ISO 14000, le SA 8000, ecc., costituiscono dei validi supporti per lo sviluppo di attività ESG. Poi si capirà quel che manca e per quello si farà una strategia, definendo modi, costi e tempi di implementazione degli adeguamenti.

Self Assessment

Per un primo approccio, può essere molto utile suddividere il lavoro secondo lo schema proposto dal self assessment nelle prime linee guida italiane per la rendicontazione di sostenibilità nelle PMI, che individua otto aree di responsabilità dell’azienda.
Queste sono: Governance e compliance, responsabilità economica, responsabilità verso i clienti, responsabilità verso i dipendenti, responsabilità verso i fornitori, responsabilità ambientale, responsabilità verso la comunità locale ed economia circolare.

Questa schematizzazione dei temi ESG aiuta molto ad analizzare la situazione esistente e ad individuare soluzioni, ma bisogna tenere presente che è tutto correlato e che la suddivisione serve solo a facilitare il lavoro. Ad esempio, la parità di genere che si trova nell’area di Responsabilità verso i dipendenti è presente anche nell’area Governance e compliance. Allo stesso modo ci sono quasi sempre importanti correlazioni tra Responsabilità ambientale, Governance e compliance ed Economia circolare e altre aree solo apparentemente separate.

Programmare una rendicontazione

Una volta compreso a quale livello ci si trova e definita una strategia, si può valutare l’opportunità, se non si rientra già negli obblighi di legge, di programmare una rendicontazione di qualche tipo. Questa può essere costituita da un semplice report integrato riferito ai temi ESG, oppure da un più completo bilancio di sostenibilità, che può essere redatto in riferimento alla letteratura di settore, oppure secondo gli standard di rendicontazione internazionali, i Global Reporting Initiative, noti come GRI, oppure quelli europei, gli European Sustainablility Reporting Standards, al momento ancora in fase di rilascio, ma prossimi a diventare il riferimento obbligatorio per l’Europa.

GRI ed ESRS sono riferimenti obbligati per chi è tenuto alla rendicontazione, secondo quanto indicato prima nelle direttive 2014/95/UE (NFRD) e oggi nelle 2022/2464/UE (CSRD). Tali direttive indicano la tipologia, la dimensione e i tempi entro i quali le imprese rientrano nei nuovi obblighi di rendicontazione per la sostenibilità.

In ogni caso una buona rendicontazione aiuta a riunire in maniera organica tutte le attività sviluppate nei vari settori aziendali per la sostenibilità e a comunicarle al meglio, sia all’esterno sia all’interno dell’azienda.

Quali sono i rischi ESG

La via verso la sostenibilità secondo i criteri ESG è attualmente una strada obbligata per le imprese europee. Perciò non è una questione del se farlo, ma di quando farlo. Anche le PMI che risultano escluse dagli obblighi di rendicontazione, se operano nell’ambito B2B o se hanno bisogno di un finanziamento bancario, dovranno in qualche modo approcciare ai temi ESG. Anche in ambito B2C, bisogna considerare che i clienti sono sempre più sensibili alla sostenibilità, magari non sanno il significato dell’acronimo ESG, ma la sostanza dell’impegno per le aziende non cambia.

Tempistiche ristrette

Un primo rischio da tenere in considerazione nell’approccio ai temi ESG è quello di fare le cose in fretta, magari all’ultimo minuto.
Come accennato sopra, in questo ambito è indispensabile un approccio graduale, che dia il tempo alle persone di comprendere e di far propria la cultura della sostenibilità, specialmente a quelle del top management e agli “opinion leader”, ovvero delle persone che sono in grado di contribuire ai cambiamenti culturali e di comportamento all’interno dell’azienda. Tempi stretti poi significa investimenti da fare in un periodo breve e quindi più “pesanti” a bilancio, con rientri che possono richiedere, per fortuna non sempre, anche alcuni anni. Sempre meglio muoversi per tempo, gradualmente e con una precisa strategia.

Un’opportunità, non un obbligo

Oltre al fattore tempo, il rischio principale per l’azienda, nell’approcciare ai temi ESG è quello di farlo controvoglia, vivendolo come un obbligo, che sia di legge o di mercato, invece che come un’opportunità di business.

Un antico proverbio, forse dell’antica Roma, forse etrusco, recita così: “Il fato è per l’uomo come un fiume dalla corrente impetuosa, che accompagna dolcemente chi vi si abbandona e trascina rudemente chi vi si oppone”. In questo caso, parlando di aziende, forse è più opportuna la metafora delle onde del mare, ma alla fine il senso è lo stesso. Se abbiamo delle grandi “onde” che orientano il mercato in una certa direzione, e ve ne sono di continuo, si può scegliere di “fare surf” sulla cresta dell’onda e andare più veloci, o se farsi travolgere e trascinare dalla massa d’acqua, traendone rallentamenti e magari anche qualche danno.

Più di tante “onde” del passato, i temi ESG portano assieme agli obblighi numerosissime opportunità, per i seguenti motivi:

  • Hanno un approccio organico, che abbraccia tutta l’azienda, offrendo un nuovo e utilissimo punto di vista, che di fatto è un nuovo strumento gestionale
  • Contengono tantissima innovazione, sia tecnologica, sia in termini di metodi e di soluzioni, contribuendo in modo significativo alla competitività dell’azienda, un “booster” paragonabile a quello fornito dall’informatica
  • Tengono conto delle persone, dell’ambiente, dell’energia, dell’acqua, dello sviluppo tecnologico, della finanza e di tante altre cose che sono sia all’interno che all’esterno dell’azienda, fornendo inaspettati e utili nuovi collegamenti, come se fossero nuove sinapsi tra i neuroni, aumentando l’intelligenza complessiva del sistema in cui si vive e si lavora
  • Aumentano il senso di responsabilità dell’imprenditore verso ogni ambito e verso ogni stakeholder coinvolto nella sua realtà aziendale, ma offre anche una maggiore serenità di stare facendo tutto al meglio per la sua azienda, per i suddetti stakeholder e anche per il pianeta e per le future generazioni.

Greenwashing

L’insieme di comportamenti che l’azienda mette in opera per diventare sostenibile, nelle varie declinazioni descritte sopra, la rende attraente per i clienti, quindi la comunicazione delle imprese, di ogni settore e dimensione, negli anni si è sempre più orientata verso i temi della sostenibilità. Purtroppo non sempre tale comunicazione, magnificata nei profili aziendali e nelle pubblicità, corrisponde al vero, tanto da far nascere il termine “greenwashing”. Si tratta di una parola nata negli USA e si può tradurre come “lavatina verde”, per far credere al cliente che l’azienda e i suoi prodotti sono sostenibili, anche quando non è vero, o è vero in parte.

In Italia, da qualche anno, esiste il reato di greenwhasing e alcune aziende hanno già subito delle condanne per le dichiarazioni non veritiere nei loro company profile e siti Internet. Nel tempo, è apparsa sempre più evidente la necessità di una maggiore trasparenza, di una rendicontazione puntuale della sostenibilità delle imprese, con dati e informazioni circostanziate, non con proclami o dichiarazioni. Si è iniziato a parlare di Corporate Social Responsability (CSR), ovvero di responsabilità sociale delle imprese, e a redigere ogni anno una Dichiarazione Non finanziaria (DNF) da allegare al consueto bilancio economico e finanziario. Alcune aziende di grandi dimensioni o importanza sono tenute a redigere la DNF dal 2016. Recentemente è entrata in vigore la norma CRSD, che amplia la platea delle imprese tenute a redigere ogni anno il bilancio di sostenibilità.

Il supporto di Italia Comfidi

I temi sociali e ambientali sono sempre più al centro dell'attenzione di investitori e consumatori che premiano le aziende che dimostrano un impegno concreto verso la sostenibilità.
Per questo abbiamo implementato un servizio di Assessment, che fotografa l’Azienda cliente e consente di verificare puntualmente la situazione dell’impresa nei confronti dei temi ESG, e ci impegniamo ad offrire un'informazione costante (segui i nostri profili social Facebook o Linkedin per gli aggiornamenti).

Contattaci

Richiedi un assessment per misurare la sostenibilità ESG della tua azienda.

Compila il form, sarai contattato da un nostro consulente.








    Torna indietro

    News correlate

    Sede legale

    Direzione generale

    Dati societari

    Made by Sinaptic
    menu
    linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram